DEMISORB - Prodotti per inumazioni e riesumazioni

Pubblicato: 14/09/2016 12:31:45
Categorie: Cimiteri , Innovazione , Mondo Funeraria , Più recenti

Chemical Roadmaster Italia presenta:

DEMISORB

                                                                   

   

Il problema della decomposizione cadaverica

Con il decesso, il corpo umano, composto per quasi l'80% d'acqua, è sottoposto all'aggressione di batteri e enzimi che iniziano a decomporre la materia organica nei suoi elementi chimici principali. Il corpo, per effetto dell'evaporazione cadaverica, comincerà a rilasciare umidità. Il comparto arterovenoso, inoltre, si distrugge rapidamente e rilascia all'esterno, attraverso principalmente gli orifizi dell'organismo il fluido ematico.

La cassa sigillata costringe, però, i liquami prodotti durante la decomposizione a permanere all'interno dello stesso cofano e per forza di gravità, a raccogliersi sul fondo della vasca zincata. Lì, a causa della loro acidità, iniziano a corrodere o arrugginire la lamiera. In molti cimiteri la perdita di liquami cadaverici, anche per incapacità d'intervento del personale necroforo, è tollerata per così tanto tempo da consentire ai fluidi di insinuarsi persino nelle fenditure della volta che chiude le nicchie sottostanti del colombario, dove sono localizzate altre sepolture, sempre entro una cassa metallica.

La soluzione

Una soluzione alternativa e più conveniente è costituita dai prodotti della serie “Demisorb”, composti ad azione scheletrizzante/accelerante di decomposizione, come previsto dalla normativa vigente: Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia 1° Suppl.Ordinario al n°46 – 12 Novembre 2004 Art. 20 Punto 10 e 2° Suppl.Ordinario al n°6 – 9 Febbraio 2007 Art. 20 Punto 10 “E’ Consentito utilizzare direttamente sugli esiti dei fenomeni cadaverici trasformativi conservativi, nonché immediatamente all’esterno del contenitore o del cofano, particolari sostanze biodegradanti capaci di favorire i processi di scheletrizzazione interrotti o fortemente rallentati da mummificazione, saponificazione o corificazione, purché tali sostanze non siano tossiche o nocive, come da dichiarazione del produttore, né inquinanti il suolo o la falda idrica”

Il problema della grande quantità di cadaveri indecomposti è inoltre di grandissima attualità in Italia così come nel resto d’Europa, favorito dall’impiego di casse in zinco e da massicci trattamenti con formalina. Lo smaltimento dei resti organici porta ad un eccessivo utilizzo dei forni crematori, qualora ce ne sia la possibilità, oppure ad un’ulteriore tumulazione. Quest’ultima soluzione porta a saturare le postazioni cimiteriali, sempre che il cimitero in questione contempli un sistema di rotazione dei terreni che comprenda la zona per le inumazioni.


LA GAMMA DI PRODOTTI “DEMISORB”È IN GRADO DI VENIRE INCONTRO ALLA PIÙ VASTA GAMMA DI PROBLEMATICHE ANDANDO AD ADATTARSI ALLA STRAGRANDE MAGGIORANZA DELLA CASISTICA CHE SI PUÒ INCONTRARE.

Per inumazioni:

DEMISORB

Polvere scheletrizzante-assorbente accelerante di decomposizione a base batterico enzimatica.

DEMISORB AA

Polvere scheletrizzante batterico enzimatica ad altissima assorbenza.

 

Per riesumazioni

DEMISORB SF

Polvere mineralizzante accelerante di decomposizione a base batterico-enzimatica per la riattivazione di terreni cimiteriali.

DEMISORB LIQUIDO

Liquido scheletrizzante concentrato per la riattivazione del processo di decomposizione.

                                                                   

Per altri articoli sul mondo della funeraria entra nella sezione NEWS

Articoli correlati:

Condividi

Aggiungi commento

 (with http://)